Il Filo di Arianna

 

Il Filo di Arianna

Ogni stanza del B&B Lo Scultore custodisce una storia, narrata dagli oggetti unici che si trovano al suo interno.La stanza dedicata al Filo di Arianna, trae ispirazione proprio da questo racconto mitologico.
“Tanto tempo fa, nell’isola di Creta, il re Minosse incaricò Dedalo di costruire un Labirinto, con così tanti corridoi che era impossibile uscirne. Nel Labirinto vi fu mandato il terribile Minotauro, figlio del re, un orrendo mostro con il corpo di un gigante e la testa di un toro che si cibava di giovani esseri umani. Per saziare il Minotauro, Minosse costrinse la bella città di Atene, sottomessa a Creta, di inviare ogni 9 anni, 7 fanciulle e 7 fanciulli.
Un giorno, il coraggioso principe di nome Teseo, decise di partire per uccidere il Minotauro e liberare così il suo popolo da questo terribile mostro.Prima di entrare nel Labirinto, la figlia del Re Minosse, Arianna, innamoratasi di lui, decise di aiutarlo donandogli una spada ed un gomitolo di filo, con la promessa che una volta portata a termine l’impresa, l’avrebbe portata via da Creta con lui.
Grazie al gomitolo del filo di Arianna, Teseo avrebbe ritrovato la via d’uscita dal Labirinto, una volta ucciso il mostro.Il giorno seguente, il giovane compì la straordinaria impresa: uccise il Minotauro e raggiunse l’uscita, facendosi strada nell’oscurità seguendo il sentiero tracciato dal filo della Principessa.
Nel frattempo Arianna attendeva Teseo piena di speranza e una volta uscito poterono finalmente fuggire da Creta e salpare alla volta di Atene…